top of page
Sarateam.JPG

SARA TULLI

Il suo percorso di studi è stato, sin da subito, accompagnato e alimentato da un puro interesse verso la sfera emotiva, cognitiva e comportamentale dell’essere umano. La cura per Sara inizia con l’ascolto, non solo di ciò che l’altro dice ma anche del come lo dice. In passato si è occupata principalmente di supporto e accompagnamento di persone aventi Disturbi del Neurosviluppo, Sindrome di Down, Disturbo Ossessivo Compulsivo, Disturbo d’Ansia generalizzato, Disturbi del comportamento dirompente del controllo degli impulsi e della condotta, sostenendoli nello sviluppo e nella costruzione della loro identità, potenzialità, autonomie e responsabilità, con pacatezza, creatività e costanza. Attualmente lavora come Psicoterapeuta tirocinante presso l’Azienda Sanitaria locale To3 (età evolutiva), e in privato con percorsi di supporto psicologico. L’orientamento psicoterapeutico da lei scelto, considera il corpo e la mente come inscindibili, per questo il lavoro è diretto tanto al corpo quanto alla mente. George Steiner sosteneva che gli esseri umani sviluppano il linguaggio per poter mentire meglio, perché mentire col corpo è estremamente difficile. Il corpo racchiude e rappresenta le nostre sensazioni, emozioni e pensieri, e spesso invia messaggi molto importanti che vengono sottovalutati o giudicati. Anche chi lavora con il corpo deve avere la possibilità di ritagliare uno spazio per comunicare con lui, altrimenti ciò che potrebbe arricchirli, diverrebbe, erroneamente, un ostacolo. “La cellula più piccola e indivisibile è l’individuo nel suo ambiente”: siamo sostenuti dall’ambiente solo se sosteniamo anche noi stessi.

bottom of page